Tra art nouveau e linearità

Un’attenta ricerca materico-cromatica restituisce ambienti esclusivi ed accoglienti

Netherlands - Den Haag, Frankenslag, immergiamoci nel cuore di un piccolo quartiere residenziale abitato prevalentemente da diplomatici, dove i bow window scandiscono l’ingresso ai vari portoni lungo la strada principale. E’ forse stata la “ragazza con l’orecchino di perla” a soli 10 minuti in bicicletta o lo stile Art Nouveau a suggerire ad una famiglia italo-spagnola a trasferirsi qui. La riqualificazione dell’abitazione è stata affidata all’ingegno dell’architetto Filippo Maria Federici, maestro nel gestire ambiti differenti all’interno di un unico progetto, al fine di creare ogni volta un design esclusivo. L’appartamento si trova all’interno di un piccolo fabbricato a schiera, composto da tre piani, con una facciata elegante. Tutti i piani sono divisi lungo l’asse longitudinale in due fasce, una più stretta per scale corridoio e camere di servizio e una più ampia per gli ambienti di rappresentanza. Sono stati invertiti il soggiorno con la sala da pranzo per permettere una maggiore intimità alla sala con il divano e una migliore illuminazione naturale alla tavola. Con l’intento di modificare il meno possibile la disposizione muraria il lavoro maggiore è stato concentrato nel personalizzare i singoli ambienti con la continua ricerca di un nuovo e più caldo legame materico-cromatico che potesse unire il cliente alla casa. Il bianco per tutte le parti originali ed il colore per tutti gli interventi di progetto. Nell’ingresso, nel corridoio e in cucina il pavimento in gres color petrolio a spina di pesce permette il passaggio delle biciclette dalla strada al giardino privato. Il resto dell’appartamento è pavimentato con un elegante parquet anch’esso a spina. La sala da pranzo e il salotto illuminati da un grigio chiaro sono stati arricchiti dalle cornici in polimero sulle pareti. Mentre in cucina e nel living il verde petrolio e un motivo floreale fanno da preludio al piccolo giardino di proprietà. Salendo al primo piano entriamo in un mondo fantastico dove le nuvole lungo tutte le scale danno spazio ad animali esotici, creando un grande palcoscenico dedicato al gioco per le figlie dei committenti. In ultimo, il terzo piano, quello padronale, che racchiude uno studio ed una luminosa camera dotata di cabina armadio. Tutti gli infissi sono in legno colorato, bianco all’intero e nero all’esterno. Alcuni, quelli originali, possiedono ancora decori tipici dell’Art Nouveau. Le porte interne sono bianche, anch’esse d’epoca, con modanature e parti in vetro. La scelta dell’arredo è ricaduta sempre nell’individuare oggetti semplici e leggeri realizzati con materiali nobili e caldi atti a render la casa come un luogo intimo perché già sognato. Filippo Maria Federici ha saputo creare un ambiente unico cucito sulle necessità del committente e nel rispetto del luogo d’intervento.

Testo di Sonia Zanelli
Foto di René Delnaaij

Intervento
Frankenslag 316
Luogo
Den Haag (L’Aia), Paesi Bassi
Progettisti
Filippo Maria Federici
Committente
Privato
Anno di redazione
2018
Anno di realizzazione
2019
Imprese esecutrici
Milius Srl, 3MDL Multiservice Srl
Imprese fornitrici
Gruppo E, Edilflaminio
Dati dimensionali
250 mq