Architettura sospesa

Adagiata nella zona più a ponente di Sanremo, la villa progettata dal team dello Studio4 s’insedia su una striscia di terreno parallela alla via Aurelia e la sua struttura a sviluppo verticale permette di godere di una stupenda veduta panoramica sul mare dalla quale si domina l’intero golfo. Apparentemente sospesa nel vuoto e in grado di rievocare il tema dello sbalzo caro alle visioni del maestro Frank Lloyd Wright, il progetto ha riletto in chiave moderna un edificio degli anni ’50 proponendo linee e suggestioni contemporanee sulla base di una struttura già esistente. Innanzitutto si è scelto di rinforzare lo sbalzo del terrazzo per veicolare ulteriormente l’idea del volume sospeso, sottolineando così anche il particolare appoggio sulle saette diagonali. Tra queste, sono stati mantenuti i “volumi inseriti” del piano seminterrato, ridefiniti da pareti a vetrate basso emissive in grado di minimizzare le dispersioni termiche. Al piano intermedio sono state completamente ridisegnate le bucature, secondo un ritmo alternato di pieni e di vuoti intonacati in bianco; l’uso del varco a tutta altezza, invece, contribuisce ad aumentare quel senso di “pieno” in netto contrasto con la leggerezza aerea del piano superiore. All’ultimo piano, il grande pergolato composto in acciaio e lamelle in legno, l’eliminazione del cornicione in aggetto, la semplificazione del profilo di copertura, l’uso di vetrate continue e della pavimentazione a doghe in legno, sono elementi che insieme contribuiscono a creare l’immagine di un’abitazione che si solleva sulla strada e sul mare, in assoluta continuità tra il “fuori” (il cielo e l’azzurro mare) e il “dentro” (sobrio, elegante e lineare). Qui, è stata collocata la zona giorno dove il panorama mozzafiato dell’esterno entra prepotentemente all’interno dell’abitazione riempendo i grandi spazi “vuoti” del living a doppia altezza in cui le scelte d’arredo restituiscono comunque una dimensione più domestica e intima. Gli interni della villa, infatti, completamente ridestinati, sono caratterizzati da linee rigorose e minimali, disegnate sulle direttrici principali del movimento dell’edificio ed enfatizzate dal contrasto cromatico bianco/nero; come da intento progettuale iniziale, emerge una sorta di minimalismo spaziale basato sulle più moderne teorie prossemiche che ridistribuiscono lo spazio sulla base delle esigenze naturali del comportamento di chi vi abita. La ricerca dello Studio4 si è concentrata sull’analisi del dettaglio architettonico richiesto dalla committenza, prospettando una soluzione progettuale che mettesse in relazione elementi diversi ma tra loro connessi: l’unione dei diversi materiali, l’alternanza cromatica, il taglio delle bucature, lo zoccolo del pavimento, i movimenti dei controsoffitti, il tutto insegue armonicamente una pulizia che da formale diventa essenzialmente sostanziale. Il progetto, infine, pone l’accento sulla riqualificazione energetica globale dell’edificio e l’insieme delle scelte architettoniche e compositive, oltre all’indubbia funzione e valenza estetica, esprime una grande sensibilità verso la progettazione sostenibile: a cominciare dalla stratificazione dell’involucro edilizio e della copertura, ai molti elementi naturali e architettonici di mitigazione dell’incidenza solare, alle soluzioni distributive capaci di ottimizzare i naturali movimenti e ricambi d’aria, fino all’utilizzo di impianti tecnologicamente avanzati (in particolare, il sistema domotico adottato) per regolare i consumi e massimizzare il comfort abitativo.

Testo di Andrea Flaiano
Foto di Luca Daniele


Intervento
Ristrutturazione totale villa monofamiliare
Luogo
Sanremo (IM)
Progettisti
Studio4 Architetti Associati
Collaboratori
Luca Daniele, Lorena Golotta
Committente
Privato
Anno di redazione
2008-2010
Anno di realizzazione
2010-2012
Imprese esecutrici
ASD Costruzioni (struttura e murature), M2R (serramenti), Cisit (impianto idraulico, termico e condizionamento), Lanza (carpenteria metallica), Merlo (frangisole), Sinthesi (impianto domotico), Artearredo (arredi fissi e falegnameria)
Imprese fornitrici
Fidra (rivestimenti, sanitari e arredi esterni) Ligursystem (Luci e illuminotecnica), Campora (Cucina e porte), Velaria e Novello (tende)
Dati dimensionali
230 mq