Il Theatro dei sogni

Nel cuore del distretto del mobile, a Verano Brianza, è sorto Theatro, il nuovo palcoscenico di soluzioni alternative. Nato da una intuizione di due aziende, Thema e Schüco Italia, esso vuole essere uno spazio espositivo interamente dedicato all’involucro edilizio. La necessità di avere un luogo ove presentare le proprie soluzioni, in una maniera completamente alternativa a quella tradizionale, ha portato le due aziende ad una riflessione, in seguito alla quale si è deciso di trasformare questo loro bisogno in opportunità, sia commerciale sia architettonica. Il progetto è partito dai computer di FUD Brand Making Factory e L22 Urban & Design, due brand del gruppo Lombardini 22 che hanno unito le loro forze per dar vita allo spazio Theatro. L22 U&D si occupa di architettura ed ingegneria, ed è stato il braccio che ha sviluppato il concept architettonico, la disposizione degli spazi e la scelta degli arredi. FUD si occupa invece, principalmente, di Physical Branding e Communication Design e ha sviluppato tutto l’aspetto comunicativo del mondo Theatro, dalla scelta del nome alla realizzazione della piattaforma web dello spazio. L’ambiente vuole essere dinamico ed emozionale, fluido e flessibile, ovvero essere sempre in grado di raccontare storie diverse. Lo spazio vuole essere casa, ufficio, sala mostra ed area eventi, allo stesso tempo. Cultura, formazione, ricerca, operatività, spettacolo, tutto ciò è di casa all’interno di Theatro, un luogo che va decisamente oltre il concetto di showroom. L’edificio è caratterizzato da spazi domestici completi e funzionanti, ampie sale conferenze e spazi dedicati alla costruzione di reti settoriali e allo sviluppo progettuale. In esso i progettisti possono sperimentare, provare e dialogare. L22 U&D ha creato una dimensione armonica ispirata alla versatilità, sui tre piani di Theatro, per poter disporre di uno spazio liquido, sempre nuovo e trasformabile. FUD si è occupata di creare varie formule di allestimento per un teatro in cui si può fare, abitare, lavorare, collaborare, mostrare, creare, abitare, insegnare, inaugurare, lanciare, formare ed informare. L’architettura è rigorosa e concreta, fa respirare al visitatore un’estetica ed un sapore tipici dello spazio industriale. I dettagli, estremamente curati, risaltano e fanno risaltare i colori prettamente neutri, spesso tendenti allo scuro, studiati per sottolineare i prodotti in mostra e non distogliere da essi l’attenzione. La metafora teatrale risulta evidente fin dal primo accesso: la hall rappresenta l’ideale foyer; l’area di benvenuto, come si può evincere anche dalla scalinata lignea, in xlam trattato, che la collega allo spazio auditorium. Da tale scalinata si raggiunge anche la lounge, location ideale per pause ristoratrici. I materiali suggeriscono un’ideale continuità visiva degli spazi, come ad esempio il legno di colore grigio utilizzato sia per la platea, sia per il bancone, sia per la parete attrezzata della cafè lounge. Questa prima area è racchiusa da vetri satinati intervallati da travi metalliche a tutta parete, combinazione di elementi che crea un imponente ed accogliente “effetto cattedrale”. Il vero e proprio Theatro è uno spazio a tripla altezza che prevede diverse configurazioni, per la massima flessibilità. La scenografia non è altro che una parete con fondale a griglia, la quale crea un gioco di ballatoi ed aperture intervallata da serramenti ed infissi costituenti un sample di prodotti che può variare a seconda dell’azienda che utilizza lo spazio. Ripiani in legno ed alluminio creano profondità sfasate che danno movimento all’intera composizione. L’intera parte operativa è stata concepita in open space, mentre la parte commerciale affacciata su Theatro è suddivisa in spazi chiusi, interamente vetrati. Ai lati di Theatro si trovano le finishing library, due sale finiture contenenti campionari di prodotti, tutti contenuti in cassettoni e sportelli, e quattro sale riunioni di ampiezze diverse. Theatro vuole porsi come la nuova frontiera dell’esposizione edilizia e un punto di riferimento per tutti i professionisti del settore.

Testo di Marco Martini
Foto di Dario Tettamanzi

Intervento
Theatro
Luogo
Verano Brianza (MI)
Progettisti
Lombardini22
Committente
Thema
Anno di redazione
2016 - 2017
Anno di realizzazione
2017
Imprese fornitrici
Schüco, Poliform, Unifor, iGuzzini, Starpool, Schneider (domotica), Culligan (piscina esterna), Pellini Industrie, Omnitel, Resstende, Oikos, Laboratorio Morseletto, Roda Design