Chiunque abbia familiarità con le riviste che pubblicano progetti d'architettura, vede replicarsi sovente i medesimi luoghi e progettisti. Una grande limitazione per un territorio, come quello italiano, che conserva fortunatamente ancora un variegato panorama di contesti culturali, capaci di dare origine a realizzazioni che accolgono gli accenti e lo spirito dei luoghi. Progetti è nato con una missione precisa: osservare e documentare la cultura progettuale che si sviluppa in architettura e nel design nei vari territori della penisola. Per dare voce e visibilità anche a quella parte della scena architettonica contemporanea destinata, soprattutto per la sua collocazione territoriale, a restare in ombra. Ad esaminarla con curiosità, la realtà italiana è infinitamente sfaccettata e per questo interessante e vivace: Progetti offre un inedito itinerario di visita alle province dell'inventività.

 


cartolona modesti cataldo tommaso

cartolona modesti cataldo tommaso2

Evoluzione spaziale

Lo Studio Tecnico Cataldo Tommaso Modesti si trova a lavorare in un edificio residenziale esistente, sito nel comune di Corato, nella città metropolitana di Bari. Il committente richiede un ampliamento volumetrico della villa unifamiliare, in relazione a nuove esigenze abitative e spaziali. L’alloggio attuale è composto dai vani principali al piano terra e da un sottotetto utilizzato come ripostiglio non abitabile. L’ampliamento consiste nel prevedere un ulteriore ambiente al piano terra, confinando l’attuale portico a retro; sopraelevare il primo piano e dotarlo di due vani e bagno accessorio, mantenendo una piccola porzione dell’originale sottotetto da destinare nuovamente a deposito, in posizione adiacente al terrazzo. Le mutate necessità funzionali e spaziali richiedono un intervento sulla volumetria esistente, in modo tale da ottenere nuovi ambienti che possano rispondere ai diversi bisogni del proprietario. Studiando lo sviluppo volumetrico del vecchio immobile, caratterizzato da una particolare compattezza compositiva nella quale volumi pieni e vuoti, semplici e regolari, definiscono l’abitazione, si è deciso di completare l’originaria residenza tramite l’aggiunta di ulteriori solidi compatti, annessi al primo impianto, che vanno a definire i nuovi spazi richiesti. La distribuzione planimetrica viene quindi in parte modificata, rendendola così più fluida e adattabile alle nuove richieste. Gli affacci verso l’esterno aumentano tramite l’utilizzo di ampie aperture vetrate, caratterizzate da logge sporgenti rispetto al filo di facciata. La luce ottiene un ruolo fondamentale nella definizione degli spazi, dando vita a un nuovo e forte rapporto tra l’ambiente interno ed esterno. La pavimentazione interna è continua e cromaticamente uniforme, la stessa tinta è ripetuta nelle logge esterne ottenendo una forte continuità tra i due spazi. Gli ambienti al piano terra e al piano primo sono ora comunicanti tramite l’inserimento di una luminosa scala, che riprende le stesse tonalità della pavimentazione. Lo spazio esterno è accuratamente allestito e ridisegnato, in modo da poterne usufruire interamente, mantenendolo in forte relazione con l’abitazione. La residenza è dotata di nuova vitalità e flessibilità funzionale, il nuovo spazio abitativo risulta ben organizzato in ambienti confortevoli e un’estrema cura caratterizza la scelta dei materiali di progetto e dei loro accostamenti cromatici, dando vita ad un sapiente equilibrio compositivo. Il nuovo intervento si distingue inoltre per la particolare attenzione verso gli aspetti della corretta efficienza energetica; sia il pacchetto murario che gli orizzontamenti sono stati progettati con idonea stratigrafia. I giochi volumetrici caratterizzavano il vecchio edificio e governano il nuovo, preesistenze e innesti convivono in una soluzione contemporanea tramite l’utilizzo attento di materiali e finiture, attraverso la modulazione degli spazi data dalla luce. La permeabilità visiva è uno degli elementi che unifica e lega l’intero intervento, facendo dialogare gli elementi dell’immobile originario con le soluzioni contemporanee, unificando gli ambienti interni con l’esterno: gli spazi si dilatano e si espandono verso l’esterno, dando vita ad una composizione armonica maggiormente vivibile.

Irene Terenzi


 cataldo tommaso modesti

Cataldo Tommaso Modesti
Nato a Corato (BA) il 27/05/1974, Cataldo Tommaso Modesti consegue la maturità tecnica per geometri nell’a.a. '93/'94 presso l’I.T.S.G. di Barletta. Svolge la propria pratica professionale nel campo dei piccoli interventi edilizi di ristrutturazione, di progettazione, calcolo delle strutture in muratura portante, direzione dei lavori, misura e contabilità dei lavori per la realizzazione di fabbricati ad uso rurale, residenziale ed industriale. Costantemente aggiornato grazie a seminari seguiti presso il collegio dei geometri della Provincia di Bari, dal 2001 espleta consulenza specializzata, relativa alla gestione di imprese edili con la pianificazione e programmazione e metodologie edilizie rivolte alla trasformazione del processo edilizio classico da artigianale a semindustriale; innovazioni dei materiali e semi-prefabbricazione con assemblaggi; applicazione di metodologie edilizie rivolte a migliorare il confort abitativo dell’involucro edilizio, la qualificazione adeguata di edifici a costruirsi e costruendi sia energetiche che strutturale; elaborazione in tal senso di idonei capitolati di appalto e di progettazione per contratti utili al raggiungimento di classi energetiche superiori; Progettazione e certificazione energetica, Protocollo ITACA.