Un edificio moderno che dialoga con il paesaggio siciliano

Al limite dell’abitato della cittadina in Provincia di Agrigento, si trova un lotto con un leggero declivio, che si rivolge al paesaggio agrario. Gli architetti Cottone e Indelicato hanno progettato per una coppia norvegese, la ristrutturazione di un edificio di scarso valore architettonico, trasformandolo in un manufatto di architettura contemporanea che crea un legame con la natura siciliana. Alla base del progetto vi è il concetto della sobrietà dei volumi e del dialogo con la natura. In questo relazionarsi al paesaggio con un linguaggio contemporaneo, si ritrova un richiamo all’architettura mediterranea. L’altezza del volume viene abbassata, la copertura a doppia falda sostituita con tetto piano, su cui è previsto un sistema di pannelli solari e fotovoltaici che garantiscono l’autonomia energetica. Gli spazi esterni sono organizzati per adattarsi alla topografia con un sistema di terrazze. In queste nuove proporzioni si esprimono la semplicità e l’orizzontalità. Il volume è scandito dalla ripetizione dinamica delle aperture che, con altezza costante, variano di larghezza, movimentano i prospetti e dosano la luce negli spazi interni. Sul fronte si staglia la tettoia in acciaio corten, che propone un motivo di esili elementi verticali che protegge la vetrata living e forma lo spazio porticato che si affaccia sul paesaggio circostante. Nella scelta della distribuzione spazi, la committenza ha espresso la volontà di dividere i gruppi in due funzioni: la stecca con il living e le camere, nella parte rivolta sul fronte, mentre i servizi, bagni e cucina, sono sul retro. La comunicazione tra gli spazi interni ed esterni è affidata ad un sistema di aperture verticali che crea fluidità nei movimenti. La semplicità dell’intero progetto si legge anche negli spazi interni. Questa purezza è tesa ad enfatizzare le viste sul paesaggio circostante. Quasi tutti gli arredi sono stati disegnati dai progettisti, sfruttando le maestranze locali, in un minimalismo cromatico basato sull’uso del bianco e di alcune gradazioni del grigio. Il tavolo è formato da una lastra di marmo bianco sorretta da un’esile struttura in metallo bianco; i lavabi, la vasca e la doccia sono in pietra lavica con mobili bianchi. Le pareti attrezzate delle camere, sono in legno laccato bianco e creano continuità con le pareti. Gli spazi esterni sono organizzati con terrazze che si sviluppano su abbassamenti di quota: accanto alla zona giorno vi è la terrazza principale. Scendendo alcuni gradini si trova la zona bar. Più in basso l’area solarium con la piscina, mentre sul retro, accanto alla cucina e alla lavanderia, l’area barbecue con il tavolo esterno. Anche nell’utilizzo dei materiali esterni si palesa la ricerca di inserire l’edificio nel contesto naturale. Le pavimentazioni sono in resina, in conglomerato con quarzo grigio o in pietrisco vulcanico e vengono uniformati dal tono vibrante ed espressivo dell’acciaio corten, che oltre alla tettoia si trova nelle parti verticali dei cambi di quota, nelle alzate dei gradini e nella scultorea doccia esterna.

Testo di Claudia Galanti
Foto di Archivio Cottone + Indelicato

Intervento
Villa B&D
Luogo
Cianciana (AG)
Progettisti
Mario Cottone, Gregorio Indelicato
Committente
Privato
Anno di realizzazione
2013
Imprese esecutrici
D’Amico Costruzioni (impresa edile); FOR.MET (lavorazione corten, infissi); Xacca Vetri (vetrate); Pavidur (Pavimentazione resina); Art Legno dei f.lli Montalbano (Deck, realizzazione mobili e cucina); OLTRE il MARMO di A. Carubia (marmi, lavabi e lavatoi); COIM di A. Castellano (Impianto idrico), Milazzo piscine (Impianto piscine), MG impianti elettrici (impianto elettrico), egf energie rinnovabili (Copertura fotovoltaica)
Imprese fornitrici
Frenna light solution (illuminazione), Arredhouse (arredi)
Dati dimensionali
Superficie casa 84 mq; spazi esterni 350 mq