Eden 2.0

Prendendo spunto dall’abile creazione della natura con l’ausilio dell’architetto Alessio Princic, l’Hotel e Resort “Villaverde”, commissionato dal visionario Gabriele Lualdi, si identifica come un eden in cui design, arte e benessere si fondono senza però oltraggiare un paesaggio circostante di incommensurabile bellezza. L’architettura si sviluppa verso il basso, affondando nel terreno e giocando tra le colline del golf lascia intravedere appena la copertura ondulata che gioca a nascondino sollevandosi dal prato e accogliendo sotto la sua morbida teca in cui cela il piano hall dell’ingresso, la reception, il ristorante, il bar e la sala conferenze. Da qui la veduta spazia sulla verde distesa del campo da golf, che diventa giardino grazie ad un abile progetto mirato alla più alta bellezza estetica. La grande copertura (realizzata da Giorgio Celiberti) si presenta come una maestosa opera d’arte grazie ad un accurato studio grafico realizzato in collaborazione con l’architetto. L’artista ha ideato e disegnato il quadro di grandi dimensioni che, successivamente sezionato in pannelli, è diventato una serie di sei maschere d’acciaio grazie ad un intelligente trasformazione; tali maschere montate e ruotate in modo apparentemente casuale sotto la supervisione del maestro, hanno cosi creato, componendosi, una tela di 2.200 mq impreziosita dai colori di Udine (bianco e nero). Questo progetto pone l’arte non come un semplice oggetto accessorio ma come elevazione architettonica che si fonde, facendone parte con l’intero progetto. La terrazza della hall attraversa il paesaggio oltrepassando la via provinciale come un nastro rosso quale in effetti è; arrivando cosi alla Club House del Golf Club Udine. Un riporto di terra coperto da fiori nasconde la strada celandola alla veduta della hall e dando al panorama l’impressione che le superfici di verde continuino ininterrotte: il giardino, il golf, le colline Moreniche fino all’arco delle alpi Giulie contengono un orizzonte in cui tutto ha una continuità ed un senso. Le sfumature di questo paesaggio si fondono armoniosamente all’interno dell’architettura ed entrano con grazia colorando gli arredi della hall, portando alla visione dell’avventore le migliori firme del territorio friulano: Moroso, Gervasoni, Snaidero e Accento. Piastrelle rosse, materiale povero della tradizione friulana rivestono i pavimenti combinando formati e colori delle tessere e delle fughe: 18 tappeti diversi disegnano i salotti; mentre l’open space si divide tramite tende dorate in spazi più intimi e raccolti. Il profondo taglio architettonico della scala affonda come un canyon nelle viscere della terra delineando il percorso che dall’ingresso porta ai piani sottostanti. Il livello -1 ospita le camere che offrono il massimo comfort grazie all’accuratezza per ogni dettaglio. I pannelli dell’arredo in noce daniela, gli accessori in inox satinato, gli specchi, la scrivania, il letto e la tenda che definisce la cabina armadio, sono disposti secondo un ordine preciso, fungendo non solo come arredamento ma anche come intelligente soluzione per la separazione acustica. L’illuminazione è fornita da una lampada a sospensione “zero 1” a tecnologia led e “matita”, sottilissima lampada a muro, entrambe frutto di una collaborazione con Karboxx. Ai livelli -2 e -3 troviamo rispettivamente il piano medico e la spa, affacciati su una dolina racchiusa da un pendio fiorito: un luogo silenzioso e profumato al centro del quale è collocata una piscina. Le piastrelle della spa di colori bianco e blu posate con casualità, riprendono l’opera di Celiberti, dividendosi in sette parti uguali e dando luogo ad una trama sempre diversa. Il Villaverde Hotel e Resort è un opera contemporanea ed eco sostenibile ove geometria e fotovoltaico sposano il risparmio energetico, rispettando la natura. Un’architettura morbida ed avvolgente, che offre un’esperienza intensa tra luce, leggerezza, equilibrio e libertà dando luogo ad una impensabile fusione tra fotovoltaico del paesaggio e futuristico del progetto.

Testo di Chiara Terenzi
Foto di Gabriele De Nardo, Alberto Brescia

Intervento
Villaverde Hotel & Resort
Luogo
Fagagna (UD)
Progettisti
Alessio Princic
Collaboratori
Laura Bellatorre, Ares Colloredo, Roberto Righi
Committente
Amil Srl
Responsabile del progetto
Uberto Fortuna Drossi
Strutture
Studio AMSIS, Studio Conti Associati, Moretti Prefabbricati Srl
Direzione lavori generale e impianti
Cooprogetti Scrl
Direzione artistica e coordinamento
Alessio Princic
Direzione lavori strutture
Filippo Burelli, Giacomo Borta
Anno di redazione
2010 - 2015
Anno di realizzazione
2013 - 2015
Imprese esecutrici
Moretti Contract Srl (general contractor)
Imprese fornitrici
Balsamini Impianti Srl, Grimel Srl (impianti meccanici ed elettrici); Poolstech (piscine); Stenal (spa); Tabaj F.lli Snc, Secco Sistemi Spa Metra Spa (serramenti); Cambielli Edilfriuli Spa, Sima ceramiche, Target Studio, Vogue ceramica, Atlas Concorde, Marca Corona (pavimenti e rivestimenti); Moroso, Gervasoni, Accento, Snaidero, Karboxx, FabbroArredi, Arredamenti Livon (arredo);  Mycore Srl, Pratic Spa (tende); Amsis Progetti Srl, Conti e Associati Srl, Moretti Prefabbricati Spa (strutture); Vivai D’Andreis Sas (opere a verde)
Dati dimensionali
19.300 mq (superficie territoriale), 14.500 mq (superficie d’intervento)