Chiunque abbia familiarità con le riviste che pubblicano progetti d'architettura, vede replicarsi sovente i medesimi luoghi e progettisti. Una grande limitazione per un territorio, come quello italiano, che conserva fortunatamente ancora un variegato panorama di contesti culturali, capaci di dare origine a realizzazioni che accolgono gli accenti e lo spirito dei luoghi. Progetti è nato con una missione precisa: osservare e documentare la cultura progettuale che si sviluppa in architettura e nel design nei vari territori della penisola. Per dare voce e visibilità anche a quella parte della scena architettonica contemporanea destinata, soprattutto per la sua collocazione territoriale, a restare in ombra. Ad esaminarla con curiosità, la realtà italiana è infinitamente sfaccettata e per questo interessante e vivace: Progetti offre un inedito itinerario di visita alle province dell'inventività.

 


Dinamismi di legno

Nella zona industriale di Bressanone, a pochi passi dal fiume Isarco, lo studio di giovani architetti MoDus Architects ha realizzato l’ampliamento e la ristrutturazione della sede principale dell’azienda produttrice di legnami Damiani Holz & Ko. Il progetto dell’edificio, vincitore di un concorso nel 2008, esalta le peculiarità dell’azienda, rispecchiandone perfettamente la filosofia. Esso infatti, è composto quasi interamente da soluzioni costruttive in legno, così da mostrare alla clientela la principale attività della ditta: lo sviluppo di soluzioni costruttive in legno su misura di alta qualità. Lamelle in legno sfaccettate perpendicolari alle facciate, rivestono l’intero edificio conferendogli un movimento ondulato, dinamico e vibrante. Gran parte della struttura portante è realizzata in pannelli in legno strutturali posati e fermati tra loro mediante un incastro maschiato. Anche i vani scala e ascensore sono costituiti da pannelli portanti in legno. La costruzione appare così come un cubo monolitico dove il ritmo incalzante delle facciate viene interrotto da tre elementi aggettanti in acciaio Cor-ten: Il volume d’ingresso e due grandi finestre al terzo piano che protendono verso l’esterno, creando uno stretto legame visivo con il bosco, luogo dal quale proviene la materia prima. Un’altra eccezione all’uso del legno è il basamento in cemento che ospita il piano terra, denunciando metaforicamente la vulnerabilità di questo materiale a contatto con il suolo. Tuttavia, legno e cemento dialogano continuamente tra loro in una sorta di simbiosi. Ad esempio il calcestruzzo del basamento è stato modellato in casseforme particolari in modo tale che le superfici presentino delle venature simili al sistema di lamelle lignee in facciata. Si può accedere all’edificio da due ingressi separati. Quello sul lato ovest, che si affaccia sul cortile interno all’azienda, permette di raggiungere la reception e di accedere agevolmente a segreteria, ufficio vendite e ufficio acquisti ubicati al piano terra. L’entrata principale, posta sul fronte strada, è caratterizzata da una bussola vetrata che fuoriesce ad invito dalla facciata e consente ai visitatori di entrare nell’atrio d’ingresso e di salire attraverso una breve rampa di scale al primo piano, dove sono collocate le postazioni di progettazione. Questo livello si trova alla stessa quota dell’edificio esistente ed è collegato ad esso tramite un passaggio coperto. Al secondo piano trovano spazio gli uffici amministrativi e una sala riunioni. Il terzo e ultimo livello, infine, ospita una sala polifunzionale, il bar aziendale e un’ampia terrazza. I diversi livelli della nuova costruzione sono collegati tra loro attraverso una scala e un ascensore, grazie ai quali è possibile raggiungere anche il piano interrato in cui si trovano i magazzini, gli archivi e i locali tecnici e da cui si accede all’autorimessa sotterranea. L’uso di materiali ecocompatibili e di legnami provenienti da foreste locali, ha così permesso a questo progetto di raggiungere il livello più alto di efficienza energetica assegnatogli dal consiglio locale di bioedilizia con i titoli di Casa Clima Oro e Casa Clima Nature. Questo progetto dunque, dimostra come la profonda conoscenza delle potenzialità di un materiale ne permetta molteplici utilizzi, raggiungendo risultati di alta qualità tecnica, senza rinunciare all’estetica della forma.

Testo di Valeria Ripamonti
Foto di Günter Richard Wett

Intervento
Damiani Holz & Ko Office Building
Luogo
Bressanone (BZ)
Progettisti
MoDus Architects - Sandy Attia, Matteo Scagnol
Collaboratori
Angela Ferrari, Volkmar Schultz, Michael Fissneider
Committente
Damiani Holz & Ko
Anno di redazione
2008 - 2010
Anno di realizzazione
2013
Imprese esecutrici
Damiani Holz & Ko (costruzioni in legno), Oberegger (costruzioni in cemento)
Dati dimensionali
4.500 mc
Caratteristiche tecniche particolari
Klimahaus Gold+, CasaClima Nature, CasaClima Work&Life